Fonte di Vita

Opera del 2014 in ferro, ottone e acciaio inossidabile. Dimensioni 50 x 46 x 24,5 cm.

Nella società moderna i genitali femminili vengono associati al sesso, all’intrattenimento erotico oppure, religiosamente parlando, con il concetto di peccato e di tentazione.

In questa scultura Giorgio ridefinisce l’immagine e il concetto dei genitali femminili rappresentandoli nella loro nuda realtà, come origine della vita e simbolo di forza.